news /

Sclavanie — Davide Degano

40,00

Un libro che racconta la riscoperta di un microcosmo geografico, di un’area montana al confine tra Italia e Slovenia, ove affondano le radici dell’autore Davide Degano. Attraverso un riesame attivo, critico e consapevole del “locale” è indagata la memoria comune tramandata agli abitanti che resistono tra questi luoghi. Con uno sguardo etnografico, a partire dalle forme dell’abitare, dell’occupare la natura, del fare comunità, economia, paese, si isolano elementi e suggestioni culturali. Grazie alle fotografie tali elementi narrativi possono essere osservati rispetto alle minacce e opportunità del contemporaneo favorendo una lettura prospettica inedita. Esplorare i temi che più caratterizzano quest’area, come l’emigrazione e lo spopolamento dei piccoli borghi, diventa allora un’occasione per riflettere sui valori dell’abitare e del fare comunità, sulla loro trasformazione, degrado, estinzione ma anche riscoperta e fioritura. Che opportunità offrono questi territori? A quali vocazioni rispondono? Come possono competere nelle trame del globalismo metropolitano? La dimensione borgo montano non solo come strategia nostalgica di riposizionamento ma reale chance di rigenerazione di tessuti capaci di garantire occupazione e qualità del vivere come in pochi altri contesti. In questa logica i contributi testuali e le analisi maturare sul campo da Livia Raccanello (antropologa) e Michael Biesmann (urbanastica) offrono un occasione di approfondimento sul tema.

 

2 disponibili

Categoria:

Descrizione

fotografie: Davide Degano
testi: Livia Raccanello, Michael Biesmann

editore: Penisola edizioni, 2021

dimensione: 27 x 21 cm
pagine: 272

tiratura: 500 copie

lingua: italiano, inglese, friulano, sloveno

ISBN: 97888-32108-18-7

copie firmate