news /

Des Oiseaux — Graciela Iturbide

37,00

Una figura di spicco della fotografia latinoamericana, l’approccio di Graciela Iturbide combina il documentario e il lirico. Composizioni decentrate, effetti grafici e ombre pesanti creano un universo poetico in cui una sensazione di stranezza si combina con una di dura realtà. Il potente equilibrio delle sue composizioni produce cieli pieni di uccelli, situazioni comiche e inaspettate in cui i polli sono raffigurati saggiamente seduti sulle bancarelle del mercato, mentre altrove stormi cinguettanti sembrano invadere la scena con movimenti agili e fluenti. Per Iturbide, gli uccelli vivi rappresentano la libertà. Ma la morte non è mai lontana nel suo lavoro, né tantomeno un certo senso del surreale. Una dimensione organica, legata al sangue, alla carne, al fango, al sudore e alla terra, permea anche la maggior parte delle immagini di Graciela Iturbide, che ha un rapporto speciale con la realtà, scegliendo di catturare momenti unici con il suo obiettivo. Uccelli e uomini convivono e si sfregano l’uno contro l’altro. Dall’India al Messico, gabbiani, aquile, piccioni, aironi e corvi invadono lo spazio dell’uomo o vi si insinuano in modo fortuito e solitario. Ci sentiamo attratti e disgustati dagli uccelli che fotografa, dalla loro fragilità e, a volte, dalla loro forza minacciosa, che catturano la nostra attenzione.

1 disponibili

Categoria:

Descrizione

fotografie: Graciela Iturbide
testo: Guilhem Lesaffre
editore: Editions Xavier Barral, 2020

dimensione: 20,5 x 26 cm
pagine: 104
lingua francese

ISBN: 978-2-36511-248-2